Dieta disintossicante dai metalli pesanti

0
4916

 

La Dieta disintossicante dai metalli pesanti ha come effetto collaterale la perdita di peso perché la sua azione primaria è quella di liberarci da questi pericolosissimi accumuli depositati nel nostro organismo che alla lunga potrebbero far insorgere malattie come il tumore.

Le Iene (qui il video) un po’ di tempo fa hanno affrontato il tema con due medici Casertani che preoccupati dei numerosi casi di cancro nella terra dei fuochi hanno condotto un interessante esperimento dove le persone sono state messe a dieta con un regime ben preciso in modo da permettere alle cellule di ripristinare la loro capacità di liberarsi dalle tossine ed in particolare dai metalli pesanti.

Il dott. D’Orta ed il dott. Del Buono affermano che una giusta alimentazione + somministrazione di alcune sostanze prese dalla chimica vegetale portano ad uno scarico di tossine e dei metalli pesanti oltre ad avere un benessere generale ed una diminuzione del peso.

Le Iene che hanno eseguito l’esperimento confermano che al termine dei tre mesi i pazienti sottoposti a questo particolare regime hanno tutti beneficiato della teoria del dott. D’Orta e Del Buono …


Ci vogliamo provare? Ecco lo schema consigliato:

Tutti i giorni:

Colazione: 250 ml di acqua (Sant’ Anna, Levissima o Santa Croce), tiepida (tenere sul fuoco per 20 secondi) con un limone spremuto.

Uno yogurt bianco non cremoso, quattro fette biscottate con miele o un bicchiere di cereali, tre noci o tre mandorle amare, o un cucchiaio di semi di girasole/sesamo/Chia

Mezz’ora prima di cena: 350 ml d’acqua con un limone spremuto, crudités di verdure in cui deve sempre esserci un gambo di sedano, un po’ di prezzemolo, più una mela.

Spuntino: frutta di stagione a scelta (2 / 3 frutti al giorno).

Lunedì:

Pranzo: piatto di riso integrale cotto nella seguente maniera: una parte di riso, 3 parti di acqua e cuocere per 40 minuti (in alternativa tenere a bagno la notte come con i legumi), al pomodoro, con verdure o legumi.

Cena: una porzione di pesce a scelta, un contorno di verdure o ortaggi di stagione cotti, consumare almeno due cucchiai di olio extravergine di oliva (prima spremitura a freddo) crudo.

Martedì:

Pranzo: un piatto di grano saraceno, orzo, farro o Quinoa, condito con verdure, pomodoro o burro (questi cereali in chicco sono reperibili tranquillamente anche sotto forma di pasta).

Cena: una porzione a scelta di carne bianca (coniglio, pollo, tacchino) uno contorno di verdure o ortaggi di stagione cotti, consumare almeno due cucchiai di olio extravergine di oliva (prima spremitura a freddo) crudo.

Mercoledì:

Pranzo: un piatto di riso integrale, cotto nella seguente maniera: una parte di riso, tre parti di acqua, cuocere per 40 minuti (in alternativa tenere a bagno la notte come con i legumi) al pomodoro, con verdure o legumi.

Cena: una porzione di pesce a scelta, un contorno di verdure o ortaggi di stagione cotti, consumare almeno due cucchiai di olio extravergine di oliva (prima spremitura a freddo) crudo.

Giovedì:

Pranzo: un piatto di grano saraceno, orzo, farro condito con verdure, pomodoro o burro.

Cena: una porzione a scelta di pesce, in alternativa una porzione di carne bianca, un contorno di verdure o ortaggi di stagione cotta, consumare almeno due cucchiai di olio extravergine di oliva (prima spremitura a freddo) crudo.

Venerdì:

Pranzo: un piatto di grano saraceno, orzo o farro condito con verdure.

Cena: una frittata con due uova e verdure, un contorno di verdure o ortaggi di stagione cotta, in alternativa un secondo di pesce a scelta, consumare almeno due cucchiai di olio extravergine di oliva (prima spremitura a freddo) crudo.

Sabato:

Pranzo: piatto di riso integrale cotto nella seguente maniera: una parte di riso, tre  parti di acqua cuocere per 40 minuti (in alternativa tenere a bagno la notte come con i legumi) al pomodoro o con verdure.

Cena: pasto libero, consumare almeno due cucchiai di olio extravergine di oliva (prima spremitura a freddo) crudo.

Domenica:

Pranzo: pasto libero.

Cena: 300 g di frutta di stagione.

Si ricorda di ridurre (almeno che non sia diversamente prescritto); latte e formaggi, carne rossa, patate, pane e derivati del pane, frutta acida, succhi di frutta, bevande gassate.

LEAVE A REPLY