Falsi miti a tavola

0
1186

Per bravura dei pubblicitari ed autori di film e cartoni animati o semplicemente grazie alle nostre nonne sono passati per decenni dei miti a tavola che poi la scienza ha smentito inesorabilmente.

Gli spinaci non contengono più ferro di altre verdure, le uova non fanno salire il colesterolo, eliminare il glutine non fa dimagrire: questi e altri…falsi miti legati al cibo.


L’ANANAS E I GRASSI – Non esistono alimenti in grado di bruciare i grassi. L’ananas è fatto d’acqua (quasi al 90%) e di zuccheri, vitamine, sali minerali (10%). Questo frutto ha proprietà diuretiche e digestive. L’enzima dell’ananas ha proprietà antinfiammatorie, tutt’al più.

LE BANANE – Demonizzate nelle diete fai da te, sono un ottimo spuntino. In più saziano, danno energia e contengono potassio e magnesio, utili all’organismo.

SUCCHI DI FRUTTA – Berne uno non è come mangiare un frutto. Nei succhi, infatti sono presenti zuccheri, coloranti, acidificanti e conservanti

SPINACI – Dimenticate Braccio di Ferro: gli spinaci non sono tra gli alimenti che contengono più ferro. Peperoni e broccoli, per esempio, ne contengono di più

AGRUMI – Gli agrumi contengono vitamina C, questo è vero. Ma Ribes, Kiwi e peperoni ne contengono di più.

PANE – È un falso mito che grissini e fette biscottate abbiano meno calorie del pane. Le fette biscottate, per esempio, hanno in media 150 kcal in media in più rispetto al pane.

UOVA E COLESTEROLO –  Le uova non fanno alzare il livello di colesterolo ma un alimento nutriente che fornisce proteine e vitamine

CIOCCOLATO – Il cioccolato non c’entra, anzi contiene antiossidanti. Le cause dell’acne sono piuttosto squilibri ormonali, sebo in eccesso, fattori ereditari, meglio se fondente ma senza esagerare.

ELIMINARE IL GLUTINE NON FA DIMAGRIRE –In alcuni casi il bilancio energetico addirittura cresce: a volte il glutine viene sostituito con sostanze più caloriche. Inoltre, se non si è in presenza di una intolleranza o di fastidi specifici magari temporanei legati al glutine, non cè motivo di eliminarlo dalla dieta.

LEAVE A REPLY