Se mangiamo questi alimenti è come se fumassimo 20 sigarette al giorno

0
22740

 

Il prof. Longo in una recentissima intervista al quotidiano Telegraph ci mette in guardia dal consumo di proteine animali che danneggiano il nostro organismo come il fumo.

La ricerca rileva che le persone che prediligono una dieta ricca di proteine animali hanno dei rischi simili di ammalarsi di cancro come coloro che fumano 20 sigarette al giorno.

Al Telegraph il prof. Longo afferma che:”Abbiamo prove convincenti che una dieta ricca di proteine – in particolare se le proteine sono derivati da animali – danneggiano la salute come il fumo ”

Gli studi condotti dimostrano che mangiare troppe proteine potrebbe essere pericoloso come fumare per le persone di mezza età.

La ricerca che ha seguito migliaia di adulti per quasi 20 anni ha scoperto che le persone che consumano una dieta ricca di proteine animali hanno quattro volte maggior probabilità di morire di cancro rispetto a chi segue una dieta a basso contenuto di proteine.

Il rischio è quasi alto come quello di sviluppare il cancro di chi fuma 20 sigarette al giorno.

Precedenti studi hanno dimostrato un legame tra cancro e carne rossa, ma è la prima volta che la ricerca ha misurato il rischio di morte causata dal mangiare regolarmente troppe proteine.

Tradizionalmente i consigli per una corretta alimentazione si sono focalizzati sul taglio dei grassi, zucchero e sale. L’Organizzazione Mondiale della Sanità suggerisce che il consumo di zucchero deve essere abbassato, ma ci sono alcuni avvertimenti circa le proteine in eccesso.

Lo studio statunitense ha scoperto che le persone che seguono un regime alimentare ricco di proteine hanno il 74% in più di probabilità di morire (anche di diabete) durante il periodo di studio rispetto ai loro omologhi a basso contenuto proteico.

I piani alimentari ad alto contenuto proteico, come ad esempio la dieta Atkins, sono diventati popolari negli ultimi anni, a causa dei loro risultati di perdita di peso. La nuova ricerca presso la University of Southern California suggerisce che tali diete possono danneggiare nel lungo periodo.

“Abbiamo prove convincenti che una dieta ricca di proteine – in particolare se le proteine sono derivati da animali – fanno male come il fumo per la salute”, ribadisce il prof. Valter Longo.

I ricercatori definiscono una dieta “ad alto contenuto proteico” se almeno il 20% delle calorie giornaliere provengono dalle proteine. Si consiglia di consumare circa 0,8 g di proteine per chilogrammo di peso corporeo ogni giorno nella mezza età. Una bistecca di 300 gr contiene 77 gr di proteine.

Così come la carne rossa anche i latticini sono ricchi di proteine – 1 bicchiere di latte da 200 ml rappresenta il 12% della dose giornaliera raccomandata, mentre una fetta di formaggio di 40 gr ne contiene il 20%

Pollo, pesce, legumi, verdura, noci e grano sono fonti sane di proteine. Tuttavia, un petto di pollo o filetto di salmone rappresentano circa il 40% di dose di proteine giornaliera raccomandata.

“La ricerca mostra che una dieta a basso contenuto di proteine nella mezza età è utile per prevenire il cancro e la mortalità in generale”, ha detto il dottor Eileen Crimmins, co-autore dello studio.

“Tuttavia, abbiamo anche proposto che in età più avanzata, può essere importante una dieta a basso contenuto di proteine per consentire il mantenimento del peso forma e protezione della salute.”

Esperti britannici hanno convenuto che riducendo la carne rossa si riduce il rischio di cancro, ma una dieta equilibrata è ancora l’opzione migliore.

Dr Gunter Kuhnle, uno scienziato di nutrizione presso l’Università di Reading, ha dichiarato: “Anche se questo studio solleva alcune interessanti prospettive sui legami tra l’assunzione di proteine e la mortalità … è sbagliato, e potenzialmente anche pericoloso, paragonare gli effetti del fumo a carne e formaggio “.

Egli ha sostenuto che tali dichiarazioni “può danneggiare l’efficacia di importanti messaggi di salute pubblica”, aggiungendo: “Il fumatore pensa: ‘Perché preoccuparsi di smettere di fumare se il mio formaggio o panino al prosciutto è altrettanto dannoso?'”

Prof Naveed Saattar, un esperto di medicina metabolica alla Glasgow University, ha detto che l’effetto di poche proteine assunte dalle persone anziane potrebbe essere dovuto a “polarizzazione sopravvivenza”, dove coloro che hanno vissuto più a lungo sono già generalmente più sani.

Le proteine controllano l’ormone della crescita IGF-1, che aiuta gli organi a crescere, ma è stato dimostrato il collegamento con il cancro.

Prof Tim Key, epidemiologo Cancer Research UK, ha detto: “Sono necessarie ulteriori ricerche per stabilire se esiste un legame tra una dieta ricca di proteine e un aumento del rischio di persone di mezza età che muoiono di cancro”.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Cell:. Metabolism

LEAVE A REPLY