Perché appena la Dieta funziona, torniamo a mangiare? Arance e Fiori per risolvere il problema!

0
885

Per molti di noi mantenere il peso tanto desiderato dopo una Dieta seguita alla lettera è molto ma molto difficile! Le motivazioni ci sono altrimenti non avremmo intrapreso questo cammino così difficile come la perdita di peso ma perché torniamo a mangiare? La dottoressa Zanardi tramite le pagine di Riza spiega che l’auto-sabotaggio che mettiamo in campo ogni volta che perdiamo peso rivela che una parte di noi ha “bisogno” del grasso in più, come Linus dei Peantus ha bisogno di portare con sé la sua coperta per sentirsi sicuro. Non a caso che nella maggior parte dei casi il dimagrimento coincide con un periodo di serenità. Per perdere peso occorre lavorare su due fronti: quello metabolico e quello psico-emotivo.
Per quanto riguarda l’aspetto metabolico, possiamo ricorrere all’estratto secco di arancio amaro (2 capsule due volte al giorno, prima dei pasti, con un bicchiere di acqua). L’arancio amaro contiene ammine che stimolano la termogenesi, con effetto brucia grassi.
L’aiuto sul piano psico-emotivo per perdere peso, come ci suggerisce la dottoressa Zanardi, possiamo trovarlo in una diluizione floreale contenente Heather, Wild Potato Bush e Manzanita. Il fiore di Bach Heather è indicato per chi, inconsciamente, cerca nel cibo la forza per affrontare il confronto con gli altri e nello spessore del corpo il modo per avere più “visibilità”; l’australiano Wild Potato Bush aiuta a liberarsi dal senso di inadeguatezza tipico di chi nasconde la proprio fragilità sotto una “coperta di grasso”, sbloccando le resistenze al cambiamento, infine il californiano Manzanita serve a smantellare gli schemi mentali negativi alla base di certi comportamenti alimentari. Assumere 4 gocce della diluizione 4 volte al giorno, lontano da pasti, caffè e dentifricio.

Fonte: rivista Riza, dottoressa Zanardi.

LEAVE A REPLY