5 Studi scientifici ci spiegano come dimagrire.

0
5358

Il segreto per smaltire i chili di troppo e ritrovare la linea di un tempo potrebbe nascondersi fra le righe di uno studio scientifico. Stando alle indagini più recenti, ci sarebbero cinque mosse particolarmente efficaci per perdere peso. La nutrizionista Elisabetta Marcosini in un articolo sulla rivista Viversani e Belli ci aiuta a capire se è davvero così.
La dieta deve essere associata ad un’attività fisica che aiuta a perdere peso ed a restare toniche. Secondo uno studio pubblicato sul “College’s journal medicine & science in sports & exercise” dall’American College of sports medicine, ne servono 50 minuti al giorno per un totale di 350 minuti alla settimana!!!

  1. Circondati di persone magre. In genere chi ha una silhouette molto appesantita non ama frequentare persone che vantano un fisico snello ed atletico, perché teme di non sentirsi a proprio agio o di suscitare compassione. Potrebbe essere un errore.
    Secondo uno studio condotto da un gruppo di ricercatori del Texas e pubblicato sulla rivista “Obesity”, circondarsi di amici magri può favorire il dimagrimento. Gli autori hanno reclutato oltre 9300 persone, di età e peso diversi. Analizzando la loro vita sociale e le loro abitudini di vita, hanno scoperto che chi interagiva spesso con individui magri tendeva più facilmente a perdere eventuali chili di troppo rispetto a chi frequentava solo amici in sovrappeso.
  2. Ordina il pranzo in anticipo. Così come è sconsigliabile fare la spesa quando si ha fame, è meglio non ordinare il pranzo all’ultimo secondo, quando l’appetito è ormai incontrollabile. In entrambi i casi, infatti, si rischia di non riuscire a tenere a bada le tentazioni e di cedere a cibi decisamente poco salutari. La conferma arriva da tre studi realizzati all’università della Pennsylvania pubblicati sul “Journal of marketing research”, che hanno raggiunto la stessa conclusione: tanto più tempo intercorre tra l’ordine ed il pasto, quanto più diminuiscono le calorie introdotte. Nei primi due studi, gli autori hanno coinvolto 690 dipendenti che utilizzavano la mensa aziendale: i lavoratori che avevano l’abitudine di scegliere il pasto circa 40 minuti prima di mangiare totalizzavano 30 calorie in più rispetto a quelli che, in genere, lo ordinavano tre ore prima. Il terzo studio ha riguardato 195 studenti universitari: chi ordinava in anticipo introduceva in media 100 calorie in meno. 
  3. Usa i piatti rossi. Chi è alla ricerca del peso ideale potrebbe provare ad allestire la tavola da pranzo con dettagli rossi. Anche la cromoterapia, infatti, può essere una valida alleata nella lotta ai chili di troppo. A dirlo è uno studio condotto da un gruppo di ricercatori svizzeri, dell’università di Basilea, pubblicato sulla rivista “Appetite”, che ha coinvolto 109 persone. In un primo momento, gli autori hanno offerto ai volontari un piatto, di colore rosso, blu o bianco, contenente 10 ciambelle salate, invitandoli a mangiarne a volontà. Poi, hanno chiesto loro di bere bevande dolci e gassate in un bicchiere rosso o blu (dopo che avevano bevuto acqua per dissetarsi). Dall’analisi dei risultati, è emerso che i partecipanti che avevano utilizzato le stoviglie rosse avevano mangiato e bevuto circa la metà di ciambelle e bibite rispetto a quelli che avevano usato piatti e bicchieri di altri colori.
  4. Mangia una manciata di noci. Nell’immaginario collettivo sono cibi altamente ingrassanti. Invece, non lo sono sempre e comunque. Anzi: le noci potrebbero addirittura favorire il dimagrimento. Lo suggerisce una ricerca dell’università della California, pubblicata sulla rivista “Plos one”. Gli studiosi hanno reclutato 803 persone e hanno chiesto loro di indicare la quantità di frutta secca che consumavano mediamente ogni giorno. Quindi, nel hanno monitorato le condizioni di salute per diverso tempo. Hanno visto così che chi consumava quotidianamente una manciata di noci aveva fino il 46% di rischio in meno di essere obeso rispetto a chi non ne mangiava affatto e ne mangiava poche.
  5. Tieni un diario alimentare. Nella battaglia contro i chili di troppo esiste uno strumento molto potente: il diario alimentare. L’ennesima dimostrazione arriva da una ricerca statunitense del Fred Hutchinson cancer research center di Seattle. Gli autori hanno reclutato 123 donne sovrappeso, di età compresa fra i 50 e 70 anni. Tutte sono state invitate a seguire un regime dietetico per un anno e ad annotare in modo molto dettagliato su un diario le proprie abitudini alimentari, giorno per giorno. Al termine del percorso, è emerso che le donne che hanno segnato in modo costante cibi consumati e calorie introdotte hanno perso circa tre chili in più di quelle che non sono riuscite a compilare costantemente  il diario.

Tutti possono dimagrire nessuno escluso, prendiamo spunto da tutte le ricerche e Diete del Mondo, consultiamo gli specialisti per non commettere errori che possono compromettere seriamente la nostra salute MA prima di tutto occorre una grande Motivazione per centrare il nostro obiettivo.

LEAVE A REPLY