Combattere la Gastrite partendo dalla Tavola

0
3235

La Gastrite è un’infiammazione della mucosa gastrica nello stomaco e può essere molto dolorosa e provocare disfunzioni gastrointestinali.
I sintomi della gastrite possono variare da persona a persona, ma alcuni sono comuni per tutti. Possono comprendere:

  • Malessere o dolore allo stomaco
  • Eruttazione
  • Emorragia addominale
  • Nausea
  • Vomito
  • Sensazione di pienezza o di bruciore allo stomaco
  • Presenza di sangue nelle feci o nel vomito (segno che il rivestimento dello stomaco può essere danneggiato).

I sintomi tipici della gastrite possono comparire anche in altre patologie; per questo motivo, è fondamentale consultare il medico per ricevere una diagnosi e una cura adeguata.

La Gastrite può essere il risultato di una serie di cause diverse tra le quali:

Cambiare dieta e stile di vita può permettere di ridurre significativamente l’infiammazione e alleviare anche il disagio associato alla gastrite.

Chi soffre di gastrite deve eliminare:

La dieta consigliata – da seguire sempre con il controllo e l’indicazione del medico – deve essere ricca di fibre e flavonoidi.

Ecco, nel dettaglio, gli alimenti che fanno bene alla gastrite.

Frutta. La frutta contiene vitamine essenziali, minerali, fibre, sostanze fitochimiche e antiossidanti. Chi soffre di gastrite dovrebbe consumare dalle due a quattro porzioni di frutta al giorno: una buona scelta prevede mele, banane, pesche, pere, uva, melone e kiwi. Meglio evitare frutti che potrebbero irritare la mucosa come l’arancio, il pompelmo, i fichi, frutti di bosco e frutta secca.

Verdura. Le verdure sono alimenti ricchi di sostanze nutritive perfette per una dieta sana. Si consiglia di consumare dalle due alle quattro porzioni di verdura al giorno, alternando verdure cotte, verdure crude, insalate ma anche centrifughe. Alcune verdure stimolano la produzione di gas e possono causare disagio: mangiate tutte le verdure, dalle zucchine alla zucca, dalle cipolle al radicchio passando per le carote e la bieta, diminuendo però il consumo di peperoni, peperoncini, cipolla, aglio e derivati del pomodoro, che tendono a provocare maggiori problemi.

Latticini. I latticini sono una fonte eccellente di calcio e vitamina D, il che li rende necessari per una sana alimentazione. Tuttavia, si dovrebbe limitare l’assunzione di latte e altri latticini, preferendo le varietà a basso contenuto di grassi o senza grassi, quando possibile. Questo aiuterà a controllare la produzione di acido gastrico. Buone fonti di vitamina D e calcio sono latte scremato, yogurt, formaggio magro ma anche il gelato.

Carne. La maggior parte della carne, del pollame e del pesce è ben tollerata da chi soffre di gastrite. Le scelte migliori sono carni tenere e magre, il pollame senza pelle, i frutti di mare, il pesce, i crostacei ma anche altre fonti di proteine vegetali come il tofu e la soia. Da evitare i tagli grassi e piatti molto conditi e piccanti. In genere, la griglia, il vapore o arrosto sono i metodi di cottura più tollerati.

Carboidrati. Tra le fonti di carboidrati da preferire ci sono pasta, riso e cereali integrali, avena, patate. Meglio, poi, puntare su pane ben cotto, senza mollica o leggermente tostato, crackers, fette biscottate. Da evitare i prodotti che possono causare disagio o irritazione come quelli che includono semi, le patatine fritte e dolci più grassi.

Bevande. I liquidi sono importanti per ripulire il tratto gastrointestinale e ammorbidire la fibra. Si consiglia di bere dai sei agli otto bicchieri di acqua. Bene anche per succhi di frutta naturali e tisane; come già accennato, meglio eliminare caffè, tè nero, bibite gassate, cioccolata calda e alcol perché potrebbero dare vita a un’irritazione.

LEAVE A REPLY