Dieta della Pizza un sogno che diventa realtà

0
17169

Il sogno per molti, una Dieta a base di Pizza, l’alimento più amato nel Mondo. E’ riuscito nell’impresa lo chef Napoletano Pasquale Cozzolino, titolare della pizzeria Ribalta a New York. Il bravo pizzaiolo è riuscito a perdere ben 50 kg in 6 mesi.

Lo chef in varie interviste ha spiegato come è riuscito a dimagrire così tanto, in poco tempo e senza grandi rinunce e sofferenze: “Volevo dimagrire, avevo provato tante diete ma senza ottenere risultati. Così sono partito dalla nostra Dieta Mediterranea, apportando però una modifica: la pizza”. Continua: “Ovviamente non ho mangiato solo pizza. Mi sono fatto consigliare da un nutrizionista al quale ho detto: voglio inserire nel mio regime alimentare qualcosa che mi renda felice”. Lo chef ha poi descritto la sua giornata-tipo a tavola: “Mangio di più al mattino, assumendo tra colazione e spuntino, ma entro le 11, il 60% del fabbisogno alimentare giornaliero. La colazione è abbondante, a base di latte di mandorla, cereali, frutta e anche pane con il miele. Poi a pranzo, per 5 giorni la settimana, mangio una pizza margherita, condita con pomodoro e mozzarella fresca e qualche foglia di basilico. Mi concedo anche mezzo bicchiere di vino rosso”.

L’ultimo pasto, lo chef Cozzolino, lo mangia verso le 18, in caso di attacchi di fame, si può porre rimedio con un frutto o uno yogurt. La cena di solito predilige il pesce, oppure i legumi sempre accompagnati da verdura e poi frutta.

La dieta della pizza, come tutte le diete monocibo, non va seguita per più di una settimana, lo schema della dieta prevede una pizza di dimensioni medie, farcita con pomodoro, mozzarella e verdure alle griglia, con un apporto calorico complessivo giornalieri di 1200 calorie.
La pizza potrà essere consumata a pranzo o a cena, punto importante è che l’ altro pasto sia a base di tanta verdura ed una pietanza ricca di proteine come carne magra ai ferri, pesce al cartoccio. Inutile dire che è preferibile cucinare la pizza da sé, evitando quelle al trancio farcite con salumi, formaggi o insaccati, così come appare chiaro che non ci sono spuntini a base di grassi, solo quelli previsti nello schema. Inoltre, modificandone adeguatamente il tipo e/o la quantità delle materie prime, essa può costituire un ottimo “carburante” per chi pratica attività sportiva e può contribuire persino a ridurre la massa grassa e, quindi, a dimagrire in maniera “intelligente”.

Le verdure devono essere esclusivamente grigliate, la frutta preferibilmente fresca e non in scatola, abolire lo zucchero e i dolci. La pizza deve essere consumata una volta al giorno. La dieta va ripetuta almeno tre volte.

Ecco lo schema settimanale della Dieta della Pizza
Colazione:
uno yogurt parzialmente scremato, oppure frutta fresca, un bicchiere di the con tre fette biscottate integrali
Oppure
cereali integrali con un bicchiere di latte scremato.

Spuntino mattina e pomeriggio: frutta fresca oppure uno yogurt scremato o una tazza di tè

Lunedì
Pranzo: insalata di verdura fresca, mozzarella e prosciutto crudo
Cena: pizza alle zucchine, pomodori per contorno, frutta fresca

Martedì
Pranzo: 60 grammi di frittata con le patate, insalata fresca di mais e olive
Cena: pizza con i funghi e insalata di pomodori

Mercoledì
Pranzo: spinaci passati in padella, un panino integrale, frutta fresca
Cena: pizza margherita e una coppa di macedonia senza zucchero

Giovedì
Pranzo: spiedini di verdure e formaggio, insalata verde, una fettina di pane integrale
Cena: pizza napoletana, e contorno di carciofini in agro dolce

Venerdì
Pranzo: zucchine ripiene e una fetta di formaggio
Cena: pizza con le patate e contorno di pomodori e mozzarella

Sabato
Pranzo: due fettine di manzo ai ferri con contorno di carote
Cena: focaccia bianca al rosmarino e una coppa media di gelato alla frutta

Domenica
Pranzo: involtini con prosciutto, lattuga e parmigiano, fagiolini in agro dolce
Cena: pizza capricciosa e contorno di peperoni arrostiti

LEAVE A REPLY