Camminare per mille motivi, scopriamo i primi 7 dal Bruciare facilmente le Calorie a…

0
2350

 

Come bruciare calorie camminando: si tratta infatti di uno dei modi più semplici e vantaggiosi per mantenersi in forma. Ma non solo, perché camminare tutti i giorni permette di tenere allenati e in buona salute anche gli apparati cardiovascolare e respiratorio.

Se si vuole restare in forma e bruciare calorie, il modo più semplice, e alla portata di tutti, resta sicuramente quello di fare delle belle passeggiate. La soluzione ideale sarebbe quella di passeggiare a passo spedito almeno mezz’ora al giorno, e se non si può dedicare questo tempo alla camminata, l’alternativa è muoversi a piedi il più spesso possibile, abbandonando auto o altri mezzi. Insomma, muoversi camminando diventa così anche un’ottima soluzione ecologica per rispettare l’ambiente e non contribuire ad inquinarlo.

Se poi si pensa che camminando a passo spedito per circa mezz’ora si possono perdere fino a 150 calorie (300 circa se la passeggiata è di un’ora), si comprende bene quanto sia importante essere costanti nel muoversi a piedi il più spesso possibile.

Quando camminare per bruciare calorie? L’ideale sarebbe farlo al mattino, a stomaco vuoto, perché in questo modo si bruciano più facilmente grassi e l’attività fisica è più proficua. Se ciò non è possibile, ogni momento è quello buono, soprattutto dopo una giornata lavorativa, quando fare una passeggiata può diventare anche motivo per rilassarsi e non solo per bruciare calorie camminando.

Se si può scegliere dove fare la propria passeggiata, il consiglio migliore per questo allenamento è quello di prediligere luoghi che permettano il contatto diretto con la natura (un parco, un bosco, il lungomare), posti in grado di rilassare, di far allontanare lo stress e in genere non troppo caotici. Camminare in luoghi del genere favorisce anche la voglia di passeggiare più a lungo, bruciando così un maggior numero di calorie.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, bisogna fare 10mila passi al giorno, cioè circa 7 km, ovvero il doppio di quanto cammina abitualmente una persone normale nelle sue attività quotidiane.

Vediamo allora quali sono i 7 benefici di camminare 30 minuti al giorno.

Brucia calorie: in base al proprio peso e alla velocità con cui si sta camminando, con una sessione di 30 minuti giornaliera è possibile bruciare circa 150 calorie.

A tutta calma: anche se si sta attraversando una strada trafficata della città – invece di un prato o di un parco tranquillo – camminare regala una profonda quiete. Accompagnare l’attività con la musica giusta può essere un valido supporto anche per la meditazione.

Gambe sode: 30 minuti al giorno sono sufficienti per rafforzare e tonificare i muscoli di cosce e polpacci. Il consiglio per aumentare il rassodamento è quello di associare alla camminata esercizi di potenziamento muscolare due volte a settimana (come affondi e squat).

Largo alla creatività: anche se si cammina a ritmo sostenuto, girare per la città senza una meta vera e propria ascoltando musica o il ritmo del proprio cuore è un ottimo viatico per immaginazione e creatività.

Aiuto alla digestione: dopo aver mangiato un pasto particolarmente pesante, invece di caracollare sul divano, camminare 30 minuti al giorno facilita la digestione e mantiene i livelli di zucchero nel sangue più stabile.

Prevenzione: la pratica della camminata sportiva (Fitwalking) è molto utile e consigliata anche per l’osteoporosi, perché favorisce il mantenimento del tono muscolare e di conseguenza della trazione che i muscoli esercitano sulle ossa. Diversi studi hanno provato che ha una notevole incidenza sul mantenimento della massa minerale ossea, le trazioni esercitate dai muscoli e la forza di gravità.

Vene varicose addio: uno studio della Clevaland Clinic ha dimostrato che camminare regolarmente contribuisce a ridurre la comparsa e il dolore delle vene varicose.

Fonte sito: Diredonna

LEAVE A REPLY