Scarola stufata in versione light

0
2299

La scarola stufata è un piatto tipico della cucina campana, in particolare dell’entroterra, e nella sua versione originale prevede l’aggiunta di salsicce, noi invece ve la proponiamo in chiave estremamente light, cercando di arricchire il piatto con i profumi dati dalle alici, dei capperi e delle olive.

Ingredienti (4 persone)
1 kg di scarola
4 cucchiai di olio 
1-2 filetti di alici
1 spicchio d’aglio
1 cucchiaio di capperi
200 grammi di pomodorini
100 grammi di olive nere

Procedimento

Iniziamo pulendo accuratamente la scarola, questa infatti, a differenza della lattuga, cresce letteralmente a terra, e soprattutto se l’acquistate Bio, o comunque non pulita, dopo vere tolto le foglie rovinate, staccate foglia a foglia e lavate bene in acqua corrente, facendo anche uso di bicarbonato. Risciacquate almeno un paio di volte. Se le foglie non sono molto grandi potete lasciarle intere, altrimenti tagliatele in 2 o 3 parti. In una pentola capiente facciamo scaldare l’olio con lo spicchi d’aglio, il peperoncino e i filetti di alice. L’olio non deve friggere ma solo scaldarsi, possiamo controllare che non bruci tenendo d’occhi l’aglio, che deve restare bianco. Quando l’olio è caldo, e le alici si sono completamente sciolte,aggiungiamo i pomodori, i capperi e le olive. Facciamo insaporire un po’ e aggiungiamo la scarola. Copriamo in modo da fare appassire la verdura grazie al vapore che si svilupperà nella pentola. Quando la verdura sarà appassita aggiungere il sale e cuocere fino a farla diventare tenera, occorreranno circa 20 minuti. Servire la verdura bella calda accompagnata da una fetta di pane integrale tostato.

LEAVE A REPLY